ANEMGI-ONLUS  Associazione per la NeUroGastroenterologia e la Motilità Gastrointestinale 
This e-mail address is being protected from spam bots, you need JavaScript enabled to view it

SII - Epidemiologia Print E-mail

 Nei paesi occidentali si stima che il 10-20% della popolazione abbia disturbi compatibili con la definizione di SII; questa prevalenza è stabile e presenta una lieve riduzione dopo i 60 anni (13,14). Soltanto un terzo di questi soggetti si rivolge ad un medico e il 5% ad uno specialista, tuttavia essi rappresentano un elevato impatto socioeconomico per l’assistenza sanitaria. Essi, infatti, costituiscono oltre il 40% delle visite specialistiche di gastroenterologia, con notevole impiego di risorse per le indagini diagnostiche, ricoveri ospedalieri, interventi chirurgici non necessari, spesa farmaceutica.

Ne sono colpite prevalentemente le donne (14-24%) rispetto agli uomini (5-19%), e soprattutto sono maggiormente le donne a rivolgersi a un medico per questi disturbi (15,16). I differenti sottogruppi a predominanza stipsi o diarrea e quello ad alvo alterno, sono parimenti rappresentati e distribuiti per caratteristiche demografiche tranne che nel gruppo stipsi-prevalente dove il rapporto donne uomini è nettamente a favore delle prime (3-4:1).