ANEMGI-ONLUS  Associazione per la NeUroGastroenterologia e la Motilità Gastrointestinale 
This e-mail address is being protected from spam bots, you need JavaScript enabled to view it

MRGE - Sintomi Esofagei Tipici Print E-mail

Nella clinica della malattia da reflusso è possibile identificare alcuni sintomi che maggiormente aiutano ad effettuare una diagnosi clinica; questi vengono chiamati sintomi esofagei tipici.

Tra questi, la pirosi è sicuramente il sintomo più caratteristico della malattia da reflusso e consiste in una sensazione di bruciore localizzata in sede retrosternale e talvolta all'epigastrio irradiata al giugulo; questo sintomo tende a peggiorare con la posizione supina o flessa, nel periodo postprandiale e in seguito a sforzi che comportino un aumento della pressione intra-addominale.

Si ritiene che il meccanismo che determina la comparsa di questo sintomo sia quello della stimolazione delle terminazioni nervose localizzate nello strato profondo dell'epitelio esofageo da parte del materiale refluito dallo stomaco anche in assenza di lesioni macroscopiche; molte volte, però né il paziente, né a volte il medico distinguono la pirosi dal dolore o bruciore "di stomaco"; l'analisi poco attenta di questo sintomo porta facilmente ad una diagnosi clinica di disturbi etichettati come "gastrite" o "dispepsia" che vengono accettati con relativa serenità dal paziente, in quanto patologie note, diffuse e con prognosi fausta, ma che ritardano di molto l'inizio di una terapia efficace ed adeguata in modi e tempi.

Al contrario, il riconoscimento della pirosi come sintomo che identifica la presenza del reflusso gastroesofageo risulta di estrema importanza perché spesso è sufficiente, da solo, a orientare il medico verso una diagnosi clinica corretta; infatti la sua specificità oscilla tra il 60 e l'89% anche se la sua sensibilità è minore (36-70%) (1, 2).

Il rigurgito consiste nel ritorno in esofago e/o faringe di materiale gastrico o intestinale che si distingue dal vomito perché non si associa a nausea, conati né contrazioni del diaframma o della parete addominale; può accentuarsi dopo pasti abbondanti o con la flessione del busto in avanti. La presenza di rigurgito solo in concomitanza di eruttazioni dopo un pasto abbondante non ha significato patologico mentre, se associato a pirosi o se presente in modo continuativo durante il periodo notturno o durante tutta la giornata, rappresenta un sintomo fortemente suggestivo di patologia da reflusso.