ANEMGI-ONLUS  Associazione per la NeUroGastroenterologia e la Motilità Gastrointestinale 
This e-mail address is being protected from spam bots, you need JavaScript enabled to view it

MRGE - Nota CUF Print E-mail

In Italia, la maggiore difficoltà che incontra il medico per curare i pazienti affetti da MRGE cronico è rappresentata dalla nota 48 della CUF (72).

Una volta compresa la necessità di trattare con terapia cronica il paziente affetto da malattia da reflusso gastroesofageo, seguendo uno schema adeguato per posologia e tempi, il medico si trova di fronte ad un vincolo determinato dalla presenza della nota 48 stabilita dalla CUF.

La recente revisione della nota, nonostante abbia facilitato alcune condizioni prescrittive in regime di rimborso da parte del Sistema Sanitario Nazionale, frappone ancora notevoli ostacoli alla terapia cronica.

Infatti, sebbene attualmente la prescrizione dei farmaci antisecretori sia consentita anche nei pazienti che non mostrano evidenze endoscopiche di esofagite, è stato posto un limite temporale (un anno) alla terapia cronica; questo limite prescrittivo è in evidente contrasto con la ormai dimostrata necessità del trattamento continuativo dei pazienti con esofagite accertata così come in tutti quei pazienti che, anche senza esofagite, hanno disturbi e riduzione dello stato di salute alla sospensione della terapia. E' anche verosimile che l'interruzione del trattamento e la recidiva dei sintomi porti ad un aumento dei costi sanitari per visite mediche, ripetizioni di esami endoscopici, ricorso al pronto soccorso, ricoveri ospedalieri, ricorso alla terapia chirurgica che, come è noto, è maggiormente gravata da rischi e complicanze (73-75).